Trasporti pubblici e mobilità razionale
Partendo dalla considerazione che un autobus consuma quattro volte il carburante consumato da un auto ma che può trasportare anche 200 volte più passeggeri è lapalissiano che viaggiare in autobus comporta un notevole risparmio energetico non sempre però ripagato da risparmio economico.

In genere tutti i mezzi pubblici quali autobus,tram, metro, treni ecc. permettono un risparmio energetico e quindi si dovrebbe ottenere anche un risparmio economico, in molti paesi anche europei questo avviene, se non avviene significa che il servizio non è gestito in modo razionale.

Ad esempio Una politica che favorisse il trasporto merci per treno potrebbe portare ad avere introiti maggiori per l'azienda destinabili ad un miglior servizio/costo per gli altri utenti/passeggeri.

Inoltre è ampiamente documentato che i trasporti pubblici offrono maggiori garanzie in fatto di sicurezza.

Invece di costruire sempre nuove strade e parcheggi, che richiedono vaste aree, si dovrebbero potenziare i trasporti pubblici (ferrovia, tram, bus, park and ride) rendendo i servizi più efficienti, più confortevoli e quindi più frequentati. Molti esempi dimostrano che vivere senza l'utilizzo esclusivo dell' automobile è possibile, ma solo laddove i trasporti pubblici funzionano bene e le distanze possono essere percorse a piedi o in bicicletta, quindi anche una corretta "urbanistica" può essere un intervento di risparmio energetico.

Fonte
www.geocities.com   
www.assa-cee.org

Innovazioni
www.bresciatrasporti-spa.it/innovazioni/mezziecologici.htm

www.premioinnovazione.legambiente.org/edizioni/2003
 
www.elettronicasanterno.it/ibrid_traction