Trigenerazione termosolare
Quando i raggi solari vengono captati e concentrati, attraverso uno specchio parabolico, generano una intensa quantità di calore nel fuoco della parabola. L'energia solare viene captata dal collettore la cui superficie a specchio riflettente focalizza i raggi solari sul tubo ricevitore posto lungo la linea focale e all'interno del quale circola un fluido termovettore che viene riscaldato ad alta temperatura, 300° C.
Il collettore, di norma, è costruito a parabola mobile ed insegue il sole sull'asse nord-sud

Un sistema di co-trigenerazione solare utilizza come energia primaria l'energia termica ricavata dal sole fornita ad una turbina sottoforma di vapore o ad una turbina organica ciclo Rankine sottoforma di fluido caldo.

Il fluido riscaldato dal sole a 300° C viene utilizzato come energia primaria per vaporizzare a bassa pressione, mediante un generatore indiretto, la condensa proveniente dal condensatore della turbina.

Il vapore, successivamente, viene portato ad alta pressione, utilizzando una fonte di calore che può essere metano ma anche biomasse o CDR o biogas

Il fluido che raffredda il condensatore, riscaldato dal vapore a bassa pressione che si trasforma in condensa, viene utilizzato in un circuito di teleriscaldamento o per produrre localmente acqua refrigerata per condizionamento o per processi industriali con ciclo frigorifero ad assorbimento o adssorbimento.