Risorse economiche destinabili al programma

Le risorse finanziarie destinabili al sostegno del suddetto programma possono derivare dagli stanziamenti annali attualmente destinati a:

Politiche per l'economia.    18    miliardi di Euro
Fondo interventi aree sottoutilizzate
  2
Fondo per l'occupazione   1,5
Interventi sviluppo economico e occupazionale   5,5
Calamità naz. e protezione civ.   2
Fondi per l'ambiente    1
Opere idriche   0,5
Guardie forestali   0,5 
Difesa  15,3 
Fondi agricoltura   0,7 
Ag. naz. prot. ambiente (ANPA)   0,13 
   
Totale   47  miliardi di €/anno
   

Fonte: www.cnel.it/archivio/bilancio_stato/2003/valori.asp?b=1   


Altre risorse derivanti o recuperabili dall'applicazione del suddetto programma:

L'ammontare delle penali altrimenti dovute nel rispetto della convenzione di Kyoto ( stime da 2 a 5 miliardi di Euro)
Eventuali crediti di carbonio
Benefici finanziari ed economici dovuti al miglioramento della bilancia commerciale internazionale (attualmente per le fonti energetiche diamo all'estero più di 50 miliardi di € all'anno, buona parte di questi potrebbero circolare in Italia, anno dopo anno...)
I fondi per la salvaguardia del territorio (il costo per ovviare al dissesto idrogeologico è stimato in 40 miliardi di Euro, negli interventi necessari possono rientrare nuovi sistemi idroelettrici e la creazione di nuove aree boschive)
I fondi per le spese militari ( riconversione parziale se non totale delle industrie belliche in industrie civili. )
Investimenti di privati che volessero dotarsi di sistemi di generazione e/o di risparmi energetico
Fondi altrimenti destinati agli ammortizzatori sociali ( presupponendo un potenziale tasso 0 di disoccupazione e mobilità)
Fondi europei per la ricerca 
Fondi europei per lo sviluppo
Fondi europei per l'ambiente
Fondi europei per l'innovazione
Varie ed eventuali

I contributi ai privati e alle aziende del settore possono essere erogati in minima parte a fondo perduto, in conto capitale o in conto energia, in larga parte sottoforma di prestiti con rateizzazione pluri-decennale, senza interessi o con interessi pari al tasso d'inflazione, con queste condizioni le risorse disponibili sono largamente sufficienti per attuare il programma.

Il DPEF 2007